IANNASCOLI, ORA PERCHÉ NON RICUCE CON LA TIFOSERIA?
22/07/2013

Al termine della sgambata in famiglia, l’A.D. Danilo Iannascoli ha fatto il punto sul mercato: “Ho appena parlato con Cascione che si deve chiarire ora con il mister, sembra che voglia restare con noi ma aspettiamo il colloquio tra i due. E’ un calciatore importantissimo, ci deve dare le massime garanzie se resta.
Con Cascione ancora insieme a noi si chiuderebbe il mercato in entrata per quel ruolo: con lui e Bjarnason saremmo a posto.”
Insomma, se abbiamo ben capito con i suoi buoni uffici, Danilo Iannascoli sta riuscendo nell’opera di ricucitura con i due giocatori. Certamente il signor Iannascoli è facilitato in questa opera dal fatto di essere non un dirigente che fa business ma un vero dirigente nato e cresciuto nell’humus calcistico.
Allora, gli chiediamo, perché non prova, con la sua esperienza, a ricucire lo strappo che, comunque, esiste ancora tra società e tifoseria?
I supporter sono importantissimi nella vita di una società sportiva. In questo momento essi non sono coinvolti in alcun processo decisionale dalla società sportiva. Il problema principale è che la cultura del tifoso non è riconosciuta come un fenomeno sociale e, di conseguenza, non è trattata come tale dalla società sportiva pescarese, e non solo a Pescara, potremmo dire che è un fenomeno negativo nazionale.
Hanno costituito un nuovo Club a Montesilvano, perché non cogliere l’occasione per parlare ai nuovi affinché anche i vecchi tifosi ascoltino e cancellare con una presa di posizione di umiltà quanto di sbagliato ha fattolo scorso anno Acciavatti.
Molti tifosi dicono ancora: La società non ha chiesto scusa… Ebbene, signor Iannascoli, lo faccia Lei e non lo consideri un atto di debolezza, anzi, rafforzerebbe la sua attendibilità con i tifosi e farebbe un grosso piacere alla stessa società.
Il presidente si è troppo esposto lo scorso anno nel difendere sia Acciavatti e sia Delli Carri, Lei, invece, avrebbe “le fisique du role” e potrebbe davvero essere il collante giusto e più idoneo per far ritornare la pace e la tranquillità in tutto l’ambiente sportivo che ha bisogno di essere unito e compatto all’inizio di questa che sarà una stagione molto importante.
Gianni Lussoso