L'AQUILA RINASCE DALLO SPORT DI DANTE CAPALDI
06/06/2013

Interessante Convegno su un tema molto vivo ed attuale come ''L'Aquila Rinasce dallo sport'' organizzato dal collega Salvatore Santangelo e moderato dal direttore di LaQtv Luca Bergamotto.
Ospite di lusso e di riguardo il nuovo Presidente Nazionale del CONI Giovanni Malagò che al termine, prendendo la parola, ha sintetizzato tutte le problematiche evidenziate dai vari personaggi che si sono intervallati al tavolo della Presidenza e responsabili di varie discipline sportive.
Ne citiamo qualcuno: Corrado Ruggeri, Corrado Chiodi, Roberto Marotta, Italo Iuliano, Gigino Scipioni, Renato Palumbo oltre ad altri esponenti come: Sabatino Aracu, Rodolfo De Laurentis(Rai), Francesco Bizzarri ( Pres Cus AQ) ,l'Assessore allo Sport dell'Aquila Iorio, (che ha portato il saluto del Sindaco Cialente) e l'Assessore regionale allo sport Carlo Masci che ha sottolineato come la Regione Abruzzo abbia incanalato i fondi FAS -(sette milioni di euro)- verso lo sport e la realizzazione di vari Progetti. L'Avv.Carlo Masci non è nuovo a questo tipo di progettualità, visto che anche in passato ha realizzato importanti Manifestazioni sportive di livello internazionale come i Giochi del Mediterraneo a Pescara.
Tra le tante personalità presenti anche il Presidente del Comitato Regionale della FIGC Ortolano La stella d'oro Coni Volpe, il Sindaco di Tornimparte Umberto Giammaria, e altri come il Presidente dell'Atletic Gianni Lolli ex Freccia del Gran Sasso con il suo leggendario 10'' e 2 decimi ai 100mt di Firenze 73 che ha reclamato una Medaglia d'oro del Coni per la Libertas L'Aquila che vanta ben 17 titoli mondiali! (Ricordo del compianto Gildino De Felice).
L'intervento del Presidente Malagò può essere così riassunto:
''Ho ascoltato le voci di tutti voi e ho preso nota. Non sono venuto all'Aquila per promettere e per fare promesse esaltanti. Non è nel mio costume. Dopo 103 giorni di Presidenza al CONI ho visitato già 11 Regioni e ho potuto notare che Città come Genova non hanno impianti sportivi adeguati. Che Milano non ha una piscina di 50mt! che nel Sud la situazione è davvero critica e precaria. Ora con l'Aquila il quadro è più chiaro. Anche io sono qui per recitare il'' mea culpa'' di ciò che si poteva fare e non si è fatto! Ma ho dato disposizione di fare una mappatura della Città e, senza far ricorso alla cultura assistenziale che non è nel mio costume, tornerò da voi nel prossimo settembre e realizzerò tutto ciò che sarò in grado di mettere in atto con i miei collaboratori e con tutti voi''
Erano anni che non sentivamo un Presidente Coni parlare con tale concretezza e pragmatismo. Personalmente ricordiamo lo stile e la personalità di Giulio Onesti, primo Presidente del CONI italiano.
Abbiamo ringraziato il Dr Malagò per quanto farà per l'Aquila. E, al termine, gli abbiamo voluto ricordare un Suo e nostro grande Amico scomparso che amava l'Aquila e soprattutto il rugby aquilano provenendo dallo stesso suo filone del cannottaggio: Alberto Marchesi,'' Il Comandante''tra l'altro ex Campione d'Italia con la Romarugby e inviato speciale del Corriere dello sport. I suoi servizi erano di guida e di stimolo a tutti noi allora giovani degli anni sessanta e lo stesso Malagò è cresciuto all'ombra di questo guru del giornalismo sportivo italiano, medaglia d'argento al valor militare.
Dante Capaldi