ELEZIONI NAZIONALI FEDERAZIONE HOKEY E PATTINAGGIO: SABATINO ARACU SUCCEDE A SE STESSO. SERVIZIO DI STEFANO LEONE
27/11/2012

Elezioni nazionali Federazione Hokey e Pattinaggio: Sabatino Aracu succede a se stesso.
MA CI SONO I RICORSI PER PRESUNTE IRREGOLARITÀ NELLA VOTAZIONE.

Si è svolta oggi, (le operazioni di voto e il risultato si sono conlcusi nel tardo pomeriggio), presso il salone delle conferenze dell’Hotel Domus Mariae a Roma, la votazione per l’elezione del Presidente della Federazione Italiana Hokey e Pattinaggio il cui mandato era in scadenza. Sabatino Aracu è succeduto a se stesso nella presidenza della Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio. Non tutto è filato liscio però, dal momento che, il delegato pugliese Domenico Cornacchia della Società Acsi Vittoria Skating di Altamura (BA), ha firmato a nome anche di altre Società fra le quali anche abruzzesi, un ricorso che è stato consegnato al Presidente della commissione. Secondo i ricorrenti la votazione è stata inficiata da un errore tecnico che rende non corretta la votazione stessa. Al momento, però, fino a quando gli sviluppi di questa azione contestataria non vedranno il seguito, Aracu è nuovamente il Presidente della Federazione. Come noto, Sabatino Aracu, indagato per il processo “Sanitopoli” che si sta svolgendo a Pescara, è sotto accusa anche per la gestione ritenuta poco cristallina dei fondi, proprio della Federazione Hokey e Pattinaggio e, a causa di questo contenzioso, 10 società, ma sembrerebbe che altre si stiano accodando, sono uscite dalla Federazione stessa e hanno fondato la LIP (Lega Italiana Pattinaggio) che il CONI, però, non ha ancora riconosciuto. Queste società sono patrocinate dall’Associazione Codici Abruzzo – Centro per i Diritti del Cittadino -. Sotto tiro anche il Presidente del CONI Gianni Petrucci al quale, più volte indirizzate lettere di denuncia sull’operato gestionale di detta Federazione Hokey e Pattinaggio da parte di Aracu, mai si è pronunciato in merito ravvisando una grave assenza di provvedimenti cautelativi destinati quantomeno alla sospensione dell’incarico ricoperto dallo stesso Aracu. Le società che sono uscite dalla Federazione e che oggi non hanno partecipato alla votazione, presentando il ricorso, sono: Soc. Jolly di Pescara, Soc. Poker di Montesilvano (PE), Soc. Castrum di Giulianova (TE), Soc. Pattinaggio di Roseto (TE), Soc. Foligno (PG), Soc. Acsi Vittoria Skating di Altamura (BA), Soc. Fly Roller Pesaro, Soc. Rolling Skate Bari, Soc. Verdi Verona. L’ultimo atto giudiziario, in ordine cronologico di tempo contro Sabatino Aracu da parte dell’Associazione Codici Abruzzo, è la querela datata 21 novembre scorso e recepita dagli organi competenti il 22 novembre scorso. Dunque, rielezione ottenuta ma subito grane da affrontare per il neo Presidente.