IL GATTO E I TOPI: ZEMAN E I GIORNALISTI
23/05/2012

Le conferenze stampa di Zeman danno l’impressione, sempre, di un incontro tra un gatto, lui, e i topi, i giornalisti. Quelli cercano di attaccargli il campanello sulla coda e lui che, sornione, la sposta e rimane libero nei suoi intendimenti, cioè quelli di rispettare l’impegno di ascoltarli ma senza dire nulla che possa soddisfare le loro curiosità.
Che pensa degli auguri di Moggi?
Nulla, non voglio rovinarmi la giornata.
Come ha visto la squadra?
I giovani sono maturati e i vecchi ringiovaniti…
Per la conferma ha preteso o dettato delle condizioni?
No.
Rimane a Pescara o accetterà altri lidi? I giornali hanno detto che… e via un a serie di situazioni….
I giornali devono riempire lo spazio.
Ma se vanno via Insigne, Immobile e qualche altro lei che farà?
Bisogna trovare dei sostituti.
Ma ha deciso se restare o meno?
Tempo al tempo. Non ho fretta.
Ma si dicono tante cose e si parla di interessi di altre società e il suo procuratore avrebbe…
Tutti vogliono parlare e si può dire tutto e il contrario di tutto ed io non ho procuratori, non ho agenti e sono solo.
Ma se le offrissero una panchina importante, sarebbe tentato?
Ho ancora una partita da giocare e sto bene a Pescara e non mi tenta nulla…
Ma il suo agente ha detto che curerà i suoi interessi…
Dei miei interessi mi interesso io…
E via di questo passo. I giornalisti a domandare e lui a far finta di rispondere senza dire nulla più di quanto già non si sappia.
Resta il fatto che Zeman ha compiuto una impresa vera e che ha messo Pescara sulla bocca di tutti. Pescara e i suoi dirigenti, per ora, si godono le feste organizzate e dopo la “sbornia” si tornerà a parlare di cose serie ed importanti: cessioni, acquisti, prestiti, riscatti, fidejussioni, ricapitalizzazione, abbonamenti e via dicendo. I numeri saranno diversi, gli impegni anche. Saranno tutti pronti a sostenere l’impatto dei nuovi costi o qualcuno getterà la classica spugna e ci saranno ingressi importanti? Si dice che Sebastiani stia prendendo contatti con altre forze economiche extra regione visto che in zona ha già raccolto e non ci sono altri margini importanti.
L’unica cosa certa è che i tifosi sono pazzi di gioia e aspettano il nuovo campionato per divertirsi. I dirigenti sono felici della vetta raggiunta ma non vorrebbero impazzire a causa dell’aria rarefatta…
Checché se ne dica i giornalisti avranno molto da lavorare per conoscere le “verità zemaniane”, ma ci riusciranno?
Gianni Lussoso