CUOR CONTENTO DIO L'AIUTA
29/07/2019


Dopo i lavori di Palena e due insignificanti incontri amichevoli inseriti nel programma di preparazione, il Pescara ha fatto registrare queste operazioni:
Acquisti: Sarritzu (Torres), Di Grazia (Catania), Cisco (Sassuolo), Ta Bi (Atalanta), Galano (Parma), Tumminello (Atalanta), Maniero (Novara), Zappa (Inter), Busellato (svincolato), Chochev (svincolato), Melegoni (Atalanta), Palmiero (Napoli), Brunori (Parma)
Cessioni: Machin (Parma), Zampano (Frosinone), Gravillon Inter), Proietti (Ternana), Ferrante (Ternana), Paolucci (Reggina), Perrotta (Bari), Brugman (Parma)
Al termine degli elenchi, noterete, non ho messo il segno di punteggiatura in quanto, i due elenchi sono passibili, di ora in ora, di variazioni anche di spessore.
In attesa che mercoledì si riprendano i lavori di preparazione al Poggio degli Ulivi, mi piace porre l’accento sul vivace atteggiamento dei tifosi che quotidianamente, sui loro social di pertinenza, si esibiscono in valutazioni dei vari giocatori in uscita e in entrata e, come sempre accade, quelli che escono sono degli affari conclamati così come quelli che entrano.
Insomma, a loro dire, il Pescara sta facendo una campagna acquisti di notevole spessore e non sono pochi quelli che parlano di play off tranquillamente alla portata dei nostri campioni.
Mi piace che ci sia tutto questo entusiasmo che tiene vivo l'interesse attorno alla squadra, anche se la campagna abbonamenti va piuttosto a rilento, e che la presidenza possa lavorare in pace senza l'assillo delle eventuale insoddisfazione della stessa tifoseria per le operazioni fatte fino a questo momento.
Dovendo analizzare i fatti, però, senza il pathos del tifoso, dovremmo dire che contrariamente a quanto afferma il nostro Ferguson dei Colli che parla di un giusto mix tra anziani e giovani, c'è da rilevare per prima cosa che le uscite sono delle vere cessioni, ancorché gradite dal cassiere perché portano alcuni milioni di euro, mentre gli acquisti, salvo qualche eccezione, sono dei prestiti che non fanno crescere il valore del patrimonio calcistico biancazzurro che, quindi, sarà sempre costretto a fare i conti con dei disavanzi patrimoniali...
A ben vedere , ma solo riguardo allo stato attuale, ci sono troppi anziani e i giovani sono delle ''carte coperte'' come dire che potranno farci esplodere di felicità o darci delle delusioni.
Ma, per fortuna del nostro Ferguson, tutto è appiattito in una accettazione globale delle operazioni. Non senti una critica, meglio per la società, non senti una domanda inerente il perché del mancato acquisto di alcuni giocatori importanti che sono finiti non in serie A ma in altre di serie B, non leggi una domanda sul perché sono usciti alcuni giocatori che potevano essere delle ''colonne'' portanti della squadra e che sono stati venduti non per somme consistenti ma solo per fare cassa.
Ma quello che mi sorprende di più è la facilità con la quale alcuni esponenti della comunicazione ufficiale, presentino per grossi colpi di mercato gli acquisti di giocatori come Chochev, solo per fare un esempio, senza dire che, invece, sono delle scommesse, visti i danni fisici di cui sono portatori, che potrebbero anche essere perdute.
Ma, come si dice, a cuor contento Dio l'aiuta, e se la stampa locale è tutta unita nel gridare alleluia, ci sentiamo in imbarazzo a non partecipare al coro e ce ne stiamo umilmente in disparte sperando seriamente di avere torto. (Gianni Lussoso)