PILLON CADUTO IN TENTAZIONE
29/03/2019

A Lecce Pescara proporrà un 4-1-3-1-1 flessibile che prevede la presenza contemporanea di almeno 4-5 giocatori prettamente offensivi.
Dietro la coppia di difensori centrali composta da Campagnaro e Scognamiglio, è molto ben assortita: a tratti dominante sui duelli aerei, abile in marcatura e dotata di discreto senso tattico, è pure ben protetta dallo schermo Bruno che diventa un perno importante in mezzo al campo, in grado di filtrare un gran numero di palloni e di dominare, sul piano fisico, a qualsiasi livello. La sua presenza consente di schierare due terzini di spinta. La fascia di sinistra è solcata da Del Grosso sollevato da rigidi compiti difensivi, offre con costanza prestazioni di spessore, impreziosite dalla sua perizia nei traversoni. A destra, Balzano, più propositivo o Gravillon, più deciso nella marcatura dell'esterno avversario.
In mezzo, il faro del gioco dei biancazzurri, è senza dubbio Brugman che giocherà dietro le due punte, ma deve anche abbassarsi per ricevere palla anche nella propria metà campo per impostare l’azione.
I compagni ai lati di Brugman sono Memyshaj e Crecco. Davanti a Brugman, Marras. La sua velocità, nel breve, è un valore aggiunto che gli permette spesso di saltare il primo uomo anche grazie a una sorprendente capacità di usare il corpo nell’uno contro uno nonostante la stazza non imponente. Se a questo si abbinano velocità di pensiero ed esecuzione, e grande diligenza in ripiegamento, si capisce perchè Pillon rinunci raramente alla sua presenza sul rettangolo verde, nonostante veda poco la porta.
Le castagne dal fuoco, in fase realizzativa, le deve togliere Mancuso.
Il Lecce giocherà, invece, con il 4-3-1-2. Da tenere sotto controllo il regista arretrato Taghtsidis i due esterni di centrocampo, Petriccione e Tabanelli. Efficiente e concreto Mancosu con le due punte Falco e Lamantia. Come dire una bella squadra anche senza considerare il 7 a 0 realizzato contro una squadra scesa a Lecce per godere della vista dei monumenti barocchi che fanno della città pugliese la Firenze del Sud.
Se mi chiedeste un pronostico, direi sicuramente un trenta per cento per il Pescara e il resto per i padroni di casa. Mi auguro di essere sconfessato da Pillon e che faccia il colpaccio con una squadra molto chiusa e serrata, sfruttando il contropiede con i due veloci Marras e Mancuso. (Gianni Lussoso)