MANCUSO UN PRESTITO DI PLATINO
31/12/2018

Si è concluso il girone di andata con il Pescara al secondo posto, con 32 punti all'attivo, frutto di 9 vittorie cinque pareggi e quattro sconfitte, 29 gol farti e 23 subiti. Ben dodici reti del Pescara sono state segnate da Mancuso, un giocatore che è un prestito della Juventus.
Per fortuna dei biancazzurri, la Juve ha tanti di quei campioni da lasciarci tranquillo, forse anche dopo la fine del campionato, Mancuso che, per il Pescara, si è rivelato una prestito di platino.
Tempo fa scrissi che il Pescara era un coacervo di giovani talenti con a fianco degli esperti che avrebbero garantito la loro crescita, ma che i risultati non avevano continuità proprio per la mancanza di alcuni equilibri tecnico-tattici.
Ci ha pensato Pillon a risolvere il problema, riuscendo a dare certezze a questa rosa, e a garantire quella solidità di carattere calcistico che ha potuto garantire un andamento globalmente molto positivo per questo girone di andata.
Siccome con il tempo gli automatismi saranno ancora più perfezionati, è facile prevedere che il Pescara potrà chiudere in bellezza il campionato se il mercato di gennaio non toglierà qualche tassello dalla macchina messa a punto dal mister, e se i ragazzi, più consapevoli dei loro mezzi, seguiranno il loro allenatore rispettando gl'impegni degli allenamenti che dovranno garantire il mantenimento dello stato di forma per tutto il girone di ritorno.
Spesso si è detto e scritto che la forza di una squadra sta nella compattezza dello spogliatoio e, a meno che abbiano saputo tenere molto segrete le loro cose all'interno dello stesso, bisogna dire che il clima del gruppo dall'esterno appare sereno e che la squadra non potrà che migliorare con il passare delle settimane, dopo il periodo di riposo che servirà a ritemprare tutti.
Infatti, il campionato riprenderà il venti e la squadra tornerà a lavorare l'otto di gennaio.
Insomma, tutti i presupposti sembrano buoni e, per i tifosi biancazzurri, si prospetta un girone di ritorno da seguire con la solita e collaudata passionalità. Infatti, essi potranno contare sul fatto che Machin, quando può giocare senza la pressione dei centrocampisti avversari, è devastante con la sua rapidità; che Brugman, se ha vicino un Kanoutè che si accolla l'impegno fisico del contrasto, può rendere di più e meglio a ridosso delle punte; che Gravillon è una splendida conferma e che Scognamiglio non fa rimpiangere troppo Campagnaro che, ormai, pare sulla via della completa guarigione, per non sottacere, poi, i valori di Marras, Antonucci, Capone, Elizalde, Melegoni e via dicendo di tutti gli altri. (gianni lussoso)

Se avete letto fino in fondo, avete capito che non sono legato a nessuno, esprimo liberamente e con coraggio i miei commenti, non cerco consensi, non ricevo finanziamenti dalle società, ma sto in piedi grazie ai lettori che mi seguono su Agenzianotizie.it e su Facebook. Se v'interessa continuare a leggere un cronista libero, che ha il coraggio di scrivere quello che gli altri non fanno, o nascondono, inviate un vostro personale piccolo contributo ricaricando su poste pay: Giovanni Lussoso - numero per ricarica 5333171075740809 Codice fiscale: LSSGNN40C26G482C