SERRAIOCCO MOSTRA I MUSCOLI E SPERA IN FRATELLO SOLE
22/08/2017

Lo hanno visto, il giorno prima in palestra, a fare esercizi per gonfiare i bicipiti, poi è partito per effettuare il blitz contro la struttura di Francavilla la cui piscina torna a soffrire per la incapacità dei dirigenti del Progetto Sport che non hanno trovato di meglio, vista la situazione economica non brillante, di andare lì a fare del terrorismo economico: Il palestrato A.D. della società che gestisce le Naiadi e la Piscina di Francavilla, ha cambiato le serrature e ha lasciato tutti fuori, dirigenti, tecnici, istruttori, clienti. Che ne pensano i francavillesi e soprattutto il sindaco Luciani?
Con l'atto di forza di Serraiocco questo centro che serve un bacino d'utenza ampio tra la provincia di Chieti e Pescara, è stato chiuso. Ci sono, oltre ai nuotatori per diletto, numerosi pazienti che resteranno senza terapia e possibilità di lottare per la propria patologia. Molti sono i pazienti senza servizio di riabilitazione in acqua, e tutto senza comunicare nulla alle famiglie. Un servizio essenziale viene meno per l'ottusità di chi non sa dirigere, ma fa solo atti di forza.
Inoltre la mattina presto, giurano alcuni, di averlo visto girato verso Est a pregare perché uscisse il sole a riscaldare l'acqua della piscina olimpionica di Pescara. Infatti, l'acqua calda è un miraggio, considerando che le docce questa mattina martedì 22, erano fredde, come annunciava un biglietto apposto sulla porta dello spogliatoio, mentre l'acqua della piscina interna era più che freddina. Il messaggio parlava di un temporaneo disguido tecnico. Ma, chi frequenta la piscina, sa bene che da un mese va avanti questa storia.
Riflessione doverosa: la piscina delle Naiadi è frequentata da molti bambini e ragazzi e non è pensabile che possano nuotare in acqua fredda o farsi la doccia in quelle condizioni.
Cosa aspetta la Regione, proprietaria del complesso, vista la incapacità degli attuali gestori e del loro Amministratore Delegato, a intervenire?
Considerando che gli attuali proprietari non stanno rispettando nemmeno gli impegni che erano previsti dal concordato concesso, perché non fanno in modo di far intervenire anche il Comune di Pescara e, semmai, vedere se degli specialisti come i dirigenti della Federazione nuoto vogliono dare una mano a risolvere questo problema che riguarda centinaia di clienti?
Per ora c'è Fratello Sole che copre queste magagne.
Ma tra poche settimane comincerà il fresco e allora?
I lavori da fare all'interno del complesso sono tanti e importanti e, oltretutto, costosi. Come pensa Serraiocco di risolvere questa situazione? Di certo non sarà sufficiente cambiare le serrature, e allora?