SEBASTIANI, NON LE BASTA ANCORA...?
31/10/2016

Ancora complimenti per Oddo e per come fa giocare la squadra, ma ancora delusioni aritmetiche guardando la classifica e i risultati dagli altri campi.
Un altro presidente avrebbe preso di petto la situazione, insieme al suo staff tecnico, e analizzato ogni aspetto del problema tecnico. Invece il ragioniere Sebastiani continua a prendere per i fondelli i tifosi della Pescara calcio forte di una compatta adesione critica della stampa locale che tace sui veri problemi societari, a volte anche occultando verità espresse e chiarite da fonti autorevoli esterne, e fidando sulla efficacia dei suoi scherani pronti a tutto pur di garantirsi i favori del ragioniere.
Mentre la classifica ci pone nella zona retrocessione, e mette in evidenza che il Pescara è l'unica squadra del campionato a non aver mai vinto finora, una partita sul campo, e mentre le altre società pericolanti sono già al lavoro per assicurarsi i puntelli necessari a gennaio, il ragioniere imperterrito dice: ''Andremo avanti con questa squadra e questo allenatore fino alla fine. In queste prime partite abbiamo subito degli episodi, nessuno ci ha messo sotto. Ripartiamo consapevoli di poter svoltare''. E alla domanda, che farete a gennaio, risponde: ''Se pensassimo ora a gennaio faremmo un grande errore. Abbiamo una buona squadra e un ottimo allenatore, dobbiamo dare il massimo con i nostri effettivi. Poi a gennaio vedremo.''
Intanto voci esterne parlano di un interessamento per Lapadula e per Mandragora e il ragioniere intrecciando a giorni alterni dichiarazioni sempre contraddittorie parlando a Calciomercato.com dice: “Mandragora in prestito a gennaio? E’ un po’ la medesima situazione di Lapadula: se Juventus e Milan aprono al prestito, io li prendo entrambi. Prima di tutto a gennaio parlerò con il mio allenatore che mi dirà dove necessita di rinforzi...”
Come dire che il ragioniere a tutt'oggi non sa di che rinforzi necessita il Pescara mentre tutti i tifosi biancazzurri lo sanno benissimo ...
E' probabile, allora, che il ragioniere Sebastiani non si sbilancia sul mercato prossimo a venire perché non ha ancora ricevuto ordini e aperture da parte dei suoi mentori romani, gli stessi che lo hanno messo in condizioni di far interessare la magistrature ordinaria e sportiva sulle operazioni riguardanti i movimenti di alcuni giocatori dato che è certo che Quintero è solo una delle operazioni sotto il vaglio degli inquirenti.
Mentre i ruffiani e gli asserviti parlano di plusvalenze, che sono, giustamente, presentate come operazioni positive, non parlano di quelle fittizie che rappresentano, invece, il pozzo da cui traggono acqua sostanziosa gli operatori furbi e manovrieri.
Sempre fidando sulla corte che alza veli per nascondere le verità mercantili, alcuni dirigenti, tra cui il nostro ragioniere, sono diventati abili nelle operazioni denominate ''Tu dai un cane a me e io do due gatti a te'' e nei passaggi relativi si creano fondi importanti che rappresentano, per molti dirigenti, ingenti guadagni personali.
A questo è lecito chiedersi: Mentre la squadra, pur giocando partite dignitose per merito della conduzione tecnica di Oddo, scivola sempre più giù, non le pare che sia il caso di smetterla di prendere per i fondelli i tifosi e proporre una sana operazione di rilancio?
Qualche suo portavoce dice che non ci sono i soldi per fare operazioni valide; vivaddio, perché non ha investito le entrate per rafforzare il Pescara e ha lasciato che le stesse finissero in rivoli che di biancazzurro non hanno niente?
Invece di alzare le spalle e dire che, tanto è solo il sottoscritto a scrivere, e a tentare di farmi togliere il microfono davanti (inutilmente), perché non chiarisce ai tifosi e agli sportivi liberi come ha investito le decine di milioni di euro manovrate in questi tre anni da Verratti a Lapadula e Caprari senza obiettare che i tifosi non hanno alcun diritto di interessarsi delle cose societarie?
Certo, per lei sarebbe facile e più dilettevole continuare a ''operare'' se i tifosi pensassero solo a prenotare abbonamenti, biglietti e a fare acquisti nel negozio biancazzurro senza porsi domande...