CHE FINE HANNO FATTO I SOLDI?
24/10/2016

Il sedici ottobre scorso scrivevo ''A chi giova nascondere la verità?'' Personalmente scrissi le mie riflessioni in merito ma nessuno dell'entourage del presidente si è dimostrato capace di dare una risposta plausibile.
Ribadisco che essendo la verità donna, non la si può presentare nuda e allora si ricorre ad alcuni artifizi per coprirla, ma la verità, nuda o vestita, è sempre quella e non va nascosta se non si vuole correre a occhi chiusi verso il precipizio.
Oddo dice di non essere preoccupato. Sebastiani rincara: ''Il nostro organico è competitivo e a gennaio faremo qualcosa senza però stravolgere nulla. Abbiamo ampia scelta in tutti i ruoli.''
Orbene, che Oddo abbia fatto la scelta di essere aziendalista e di avallare la posizione del ragionier Sebastiani, è comprensibile. ''Attacca l'asino dove dice il padrone.'' Anche se Oddo correrà il rischio di rispondere ai tifosi delle manchevolezze presidenziali, in quanto ha avallato tutto il mercato definendolo buono e di suo gradimento.
Che il ragionier Sebastiani dica che la squadra ha ampia scelta in tutti i ruoli, mente sapendo di mentire, ma fa il suo gioco che è di carattere mercantile e lontano anni luce dal gioco che dovrebbe essere dei tifosi e degli sportivi. Però, mentre gli sportivi riescono a seguire le vicende con una certa obbiettività, e non si nascondono le preoccupazioni per un finale di torneo inadeguato se la società non corre ai ripari, la tifoseria sembra anestetizzata, per le operazioni di plagio operate da alcuni ''scherani'' che, con le buone e con le cattive, cercano di far ingoiare la pillola anche ai ''dissidenti'' che non possono esprimere il loro giudizio, né parlare apertamente, a meno di non incorrere in minacce verbali (sei un gufo, sei un chietino) e a volte anche in qualche scappellotto che, di amichevole, non ha nulla.
Il capo degli scherani, tale si è proclamato da solo, non essendoci stata investitura ufficiale della tifoseria organizzata, se non l'amicizia interessata del ragioniere, non potendo confutare la realtà dei numeri (gol all'attivo 9, di cui tre a tavolino; gol al passivo 14, sedici se consideriamo Sassuolo, pochezza di punti realmente acquisiti sul campo, quattro, e posizione di classifica deficitaria con sette punti), blatera di impossibilità da parte del ragioniere a fare meglio perché non ci sono soldi e le spese sono tante.
Opportuno, allora, ricordare che Lapadula è stato ceduto per 9 milioni di euro, mentre Caprari è rimasto ma è stato ceduto all’Inter per 4 milioni di euro. Per quanto riguarda gli acquisti principali: Verre (a, Udinese - 4,00 riscatto); Biraghi (d, Inter - 4,00); Benali (a, Palermo - 1,00); Fiorillo (p, Juventus - 1,00); Coda (d, Pescara - 0,20); Bizzarri (p, Chievo - gratuito); Pepe (a, Chievo - gratuito); Aquilani (c, Sporting Lisbona - gratuito); Cristante (c, Benfica - prestito); Manaj (a, Inter - prestito); Bahebeck (a, Psg - prestito); Brugman (c, Palermo - fine prestito); Gyomber (d, Roma - prestito); Pettinari (a, Roma - 0,40); Crescenzi (d, Roma - 0,30); Mazzotta (c, Cesena - 0,35); Di Massimo (a, Sant’Omero - 0,30); Caprari (a, Inter - prestito); Muric (d, Ajax - prestito).
Per Verre si è trattato di un errore del ragioniere che credeva di poter contare sul contro riscatto dell'Udinese per 150 mila euro...!
Da considerare, poi, proventi televisivi, sponsorizzazioni, pubblicità, plusvalenze fittizie (di cui non si parla perché ''camuffano'' o confondono con le plusvalenze reali...).
Per le spese di gestione: stipendi, viaggi, dipendenti, e quant'altro ce n'è a sufficienza sempre che le entrate finiscano tutte nelle casse sociali e non si perdano in rivoli incontrollabili, ma esistenti.
Chiudo con il discorso ''contabile'' paventando cosa potrebbe succedere a breve quando la Magistratura, allertata dal dimissionario A.D. Danilo Iannascoli, metterà il naso negli affari della Pescara Calcio, del ragionier Sebastiani e delle attività collaterali che non avrebbero dovuto interessare la Pescara Calcio.
La domanda lecita, in chiusura, è: Che fine hanno fatto i soldi?