LA CRITICA, INVECE, AIUTA...
04/10/2016

Alcuni tifosi, per sostenere la posizione del ragionier Sebastiani, dicono che è inutile criticare il suo mercato, sia perché è stato avallato totalmente dal mister Massimo Oddo, sia perché lo stesso ragioniere che ''se ne intende, ha confermato di non aver bisogno di aggiustamenti perché con Manaj e Bahebeck, la rosa è completa.''
Nello stesso tempo, i ''Sebastiani boys'', cercano di intimorire chi esprime del dissenso affermando che chi critica è nemico della Pescara Calcio mettendo nel mucchio tutti: tifosi, sportivi e giornalisti, dimenticando che questi ultimi, non possono e non devo essere etichettati pro o contro la Pescara Calcio, o pro o contro il ragionier Sebastiani, ma essere seguiti o meno, sulla base della professionalità espressa e dalla etica professionale che impone loro di esprimere la verità che conoscono.
Detto questo, sarebbe da esortare questi censori a usare l'intelletto, la capacità di ragionare, se li hanno, e di analizzare le cose calcistiche con la propria testa e di non seguire pedissequamente i suggerimenti dettati e proposti per convenienza e che poco o nulla hanno a che vedere con la verità.
La rosa a disposizione di Oddo e i risultati finora registrati, fanno capire che bisogna fare di necessità virtù e tenersi aggrappati al treno della salvezza fino a che sarà possibile rimediare al mercato estivo. E per farlo, Oddo deve riuscire a dare un volto tecnico alla rosa disponibile facendo in modo di annullare le lacune che ci sono.
La critica, signori ''Sebastiani boys'', invece aiuta perché così si farà in modo, in tempo utile, di rimediare. Se riuscite, invece, ad addomesticare la critica, riuscirete solo a rendere il ragionier Sebastiani sempre più convinto di non spendere e di sperare in una salvezza che apparirebbe sempre più difficile.
A questo punto, qualche ingenuotto (ce ne sono o sono soltanto dei furbastri aggreppiati?) dice: ''Ma se il signor Sebastiani afferma che abbiamo la squadra giusta, vuol dire che è vero, che interesse avrebbe a non rafforzare la rosa e correre il rischio di retrocedere?''
Vivaddio, come fate a dimenticare il paracadute sostanzioso? Come fate a non capire che un conto è fare i programmi per guadagnare sulle situazioni di mercato e un altro è quello dei tifosi che vorrebbero mantenere il posto in Serie A.
Comunque, inutile farsi delle illusioni. Tre squadre devono retrocedere: riflettete e segnatevele e poi fate il riscontro finale. Da cronista aduso a raccontare i fatti e a commentarli, sarò felicissimo di dedicare un servizio alla vostra lungimiranza.