SEBASTIANI, FURBO O INTELLIGENTE?
01/09/2016

Con molta furbizia, il presidente Sebastiani ha detto che il mercato è stato fatto in sintonia con Oddo e gli ha scaricato l'eventuale responsabilità che potrebbe derivare dalla mancata acquisizione (prestito o definitivo) di un attaccante, per evitare il dispendio di energie dei centrocampisti alle prese con un falso centravanti, e di un centrale che potesse dare sicurezza ad un reparto che potrebbe non essere completo con i giocatori attualmente in rosa.
Sebastiani ha ''passato la palla'' a Massimo Oddo e si è scaricato, furbescamente, da eventuali responsabilità di mercato.
Uno dei grandi e irrisolti problemi italiani pare sia il fatto che la maggioranza dei cittadini non sa distinguere tra furbizia e intelligenza.
Secondo Zingarelli, furbo è chi sa mettere in pratica accorgimenti sottili e abili atti a procurargli vantaggi e utilità. Astuto, sagace, accorto, contrario di ingenuo. Per furbo s'intende anche mariolo, furfante.
Intelligente è chi ha la capacità di intendere, pensare, giudicare. Di persona dotata di particolari capacità intellettuali, ma anche che ha una conoscenza specifica di un'arte, di una scienza, di una tecnica e simili, ovvero: intenditore, esperto e colto.
E Oddo è sicuramente un allenatore intelligente.
Da tali definizioni si può facilmente dedurre che la differenza sostanziale tra i due termini stia nella finalità. Se lo scopo principale è quello di capire e di formarsi una cultura, si tratta di intelligenza, ovvero di una dote da cui può trarre beneficio l'intera collettività. Se invece lo scopo principale è quello di realizzare gli obiettivi che ci si prefigge per trarne un vantaggio personale, allora trattasi di furbizia.
Non sempre, però, la furbizia paga.
Nel nostro caso i tifosi hanno ben capito e valutato il presidente così come hanno ben valutato l'allenatore che considerano capace di mettere una pezza a colori sul mercato presidenziale salvo poi rivedersi con i conti (risultati del campo) alla mano al prossimo mercato di gennaio.
Il Pescara di Oddo andrà avanti con il falso numero nove a meno che non si scopra, strada facendo, che Manaj può fare il centravanti vero e che Caprari potrà tornare a giocare da esterno.
Comunque sia, Oddo ha la capacità, a mio modesto parere, per trarre il meglio e il massimo da questa rosa e dare grosse soddisfazioni alla tifoseria.