POSTO IL PRIMO MATTONE PER LA PROMOZIONE
02/06/2016

Con una prestazione quasi senza errori, quelli fatti sono veniali e da non ripetere con il Trapani, il Pescara di Oddo ha messo il primo mattone serio per la promozione in A.
Ma ora bisogna fare attenzione perché Serse Cosmi non è Baroni, perché il Trapani ha il vantaggio del terzo posto in classifica e della gara due in casa, e perché nel caso malaugurato di una mancata promozione andrebbe tutto a farsi friggere e si vanificherebbe tutto il buono fatto finora.
La condizione fisica è ottimale, la concentrazione è al massimo livello e Oddo si va confermando, settimana dopo settimana, un valido condottiero capace di ottenere dai suoi uomini il meglio.
Personalmente credo che anche il fatto di giocare la prima partita in casa non sia da sottovalutare in quanto, vincendo, il Pescara potrebbe gestire il risultato nella gara di ritorno: l’importante sarebbe vincere con almeno due gol in più dell’avversario.
Quali i pregi del Trapani da tenere in considerazione? Il suo gioco prevede una difesa piuttosto bassa, per una squadra che deve stare compatta ed essere veloce nel cercare la profondità esaltando il capocannoniere. Nel gioco del Trapani un ruolo fondamentale ce l'hanno gli esterni: non soltanto quelli alti, ma pure quelli bassi, chiamati a spingere con costanza.
Il Trapani, inoltre, è bravissimo a colpire gli avversari nei loro punti deboli, e nella fase di non possesso è micidiale a riconquistare palla e a capovolgere l'azione per arrivare in velocità in porta, modificandosi di volta in volta (gli esterni possono essere invertiti).
Un gioco dispendioso, che richiede un’adeguata preparazione atletica e giocatori dotati di buona corsa e il Trapani li ha.
Concludo, però, dicendo che queste cose Oddo le sa benissimo e sta già studiando le contromisure. Non resta che attendere il responso del campo.