NON TUTTI RISPETTANO I RUOLI
16/03/2016



Massimo Oddo, da buon leader, si è caricato delle responsabilità tecniche di questo momento, rispettando degnamente il suo ruolo. Il presidente, il ragionier Sebastiani, invece, non lo ha fatto: innanzi tutto ha scaricato sui direttori tecnici le responsabilità degli acquisti, poi si è vantato di aver ricreato lo spirito della tifoseria...
Si è dimenticato che, nel recente passato, il suo direttore generale ha confessato pubblicamente che di molte operazioni di mercato non era a conoscenza in quanto fatte, dirette e sostenute dal ragioniere.
Abile imbonitore, come di solito sono i venditori di auto, si è presentato ai telespettatori garantendosi una claque di servi sciocchi che non hanno capito che, sì facendo, non fanno altro che rendere ancor più difficile il percorso del Delfino.
Ma si sa bene come i ''parvenu'', di qualsiasi genere, hanno la capacità di circondarsi di molti ''yesmen'' capaci di soddisfare il loro egocentrismo.
Ma nello sport sono i risultati a decretare il successo o meno. Diceva il buon Tom Rosati, ''Chi arporte lu pesce è piscatore'': Nulla da eccepire: Se Sebastiani porta il Pescara in A, nonostante le malefatte del mercato invernale, nonostante i servilismi alla Gea, nonostante la rottura con Iannascoli, nonostante il mancato dialogo con gli altri soci considerati solo nel momento in cui devo immettere capitali in società, sarò il primo a chiedere venia e a riconoscere di aver sbagliato valutazioni. 
Mi spaice notare come anche alcuni attetti ai lavori della informazione non abbiano finora rispettato sempre il ruolo previsto dalla deontologia professionale e si sono lasciati abbindolare dai maneggi presidenziali e sono diventati dei semplici reggitori di microfono con il rischiodi essere sbugiardati non appena il ragioniere avrà fatto i suoi comodi.
A livello attuale, invece, devo malinconicamente mettere in risalto che Oddo, nonostante le sue intuizioni tecnico-tattiche, deve fare i conti con acquisti sballati, con scelte dettate dal mercantilismo del suo presidente, con pressioni di vario genere che arrivano e non sempre per fini sportivi...
Il campionato è ancora aperto per le squadre di buona volontà, siamo tra quelle? Il campo darà la sua risposta.