LAVORANO SOTTO TRACCIA…
20/01/2016

Nei giorni scorsi non si parlava altro che di ricapitalizzazione, stadio nuovo, altri soci, nuovi sostenitori come sponsor, e via di questo passo.
Improvvisamente sembra che sia calato il sipario sulle varie situazioni societarie. Sembra, perché, in verità, si sta lavorando molto alacremente sotto traccia.
Daniele Sebastiani, in grosse difficoltà per motivi suoi personali, sta tessendo una serie di contatti per cercare di sentire il meno possibile il disagio che gli ha creato, con le sue dimissioni giustificate, Danilo Iannascoli.
Non è facile, in questo periodo, trovare grossi capitali da far investire nel Delfino e allora ha studiato un compromesso, piccoli esborsi, anche sotto forma di anticipazioni da restituire, garantiti da sponsorizzazioni di vario genere: magliette, borse, spazi sulla divisa e quant’altro.
Inoltre, fidando sulla necessità dei politici locali di mettersi in buona evidenza, in vista della prossima tornata elettorale, sta manovrando per cercare di risolvere il problema del nuovo stadio che garantirebbe la possibilità di gestire un tesoretto piuttosto importante, una quarantina di milioni di euro, e invogliare, in tal modo, i più riottosi tra gli operatori economici locali che, poco interessati al calcio, lo sarebbero molto di più se coinvolti in un discorso di costruzioni…
Danilo Iannascoli, da parte sua, attende gli sviluppi e, intanto, sta mettendo in moto tutto il meccanismo che potrebbe fargli guadagnare un clamoroso risultato europeo con il calcio a 5. Ma si sa che il calcio a 11 è la vera passione di Iannascoli che non sta con le mani in mano e anche lui sta lavorando in vista di un possibile suo maggiore impegno all’interno del sodalizio.
Insomma, il silenzio gettonato, non sta a significare che non si stia lavorando, anzi.
Tutti i vari movimenti sono anche subordinati a ciò che riuscirà a fare la squadra: è chiaro che, in caso di promozione in A, per Sebastiani si aprirebbero degli orizzonti al momento lontani.
Qualcuno dice: ma se si va in A bisognerà spendere molto per fare una squadra competitiva…
Ingenuità da tifoso.
Se si va in A, Sebastiani incamera un grosso premio in euro e farà il minimo indispensabile certo di avere, poi, il paracadute, altri milioni di euro, tornando in B.
Non si vuole capire che le filosofie di Sebastiani, di Iannascoli e dei tifosi non sono le stesse. Anzi, a voler precisare, I tifosi e Iannascoli parlano la lingua degli sportivi, Sebastiani quella dei mercanti.