TUTTO IN STALLO
30/10/2015

Danilo Iannascoli non molla. Tutti parlano di una cordata con De Cecco (che ha smentito categoricamente) ma è certo che ci sono operazioni in atto. Tutto sembrerebbe in una fase di stallo: Sebastiani che dà gli otto giorni e Iannascoli che difende le sue posizioni forte di una credibilità che gli proviene dal fatto di non voler fare affari con la Pescara Calcio ma di dare sfogo alla sua passione di tifoso.
Le due anime di cui ho parlato nei mesi precedenti, quando le varie testate facevano finta che tutto “andava bene, madama la marchesa…”, continua ad avere la sua importanza.
I tifosi si chiedono: Ma quali forze economiche possono spingere Iannascoli a lottare per il Delfino?
Stressa domanda, comunque, potrebbe essere fatta per il ragioniere Sebastiani che, da voce comune in ambienti economici, non starebbe passando un buon periodo, vuoi per la crisi automobilistica, vuoi per quella edile, e allora?
Allora vuole dire che i due, impegnati nel braccio di ferro, contano su “energie” che, al momento non ci è dato conoscere.
Di Sebastiani si sanno i suoi agganci con Mesa, Bankowski (che gli ha consentito di vedere il bilancio approvato) e il Gruppo Gea.
Di Iannascoli si sa molto meno. Di certo sappiamo che da anni porta vanti un discorso impegnativo come il calcio a 5 con risultati encomiabili e dai costi (senza ricavi) d’indubbio spessore.
Non essendo abituato a fare il portavoce di nessuno, né di reggere il microfono a chicchessia, ma di seguire e di analizzare i fatti, vi ho proposto tutto ciò che è a mia conoscenza, e state certi che sarò prontissimo a raccontarvi gli sviluppi che, comunque, in un verso o nell’altro, ci saranno.