SONO ORE INTERESSANTI
27/10/2015

Queste sono davvero ore molto interessanti. Archiviato il rinvio di Novara Pescara (non riesco a capire la cecità di chi fa il calendario pretendendo di far giocare squadre di notte nelle zone solitamente da sempre soggette alla nebbia) e non sarà il solo rinvio visto che di questi tempi, di notte, si ha sempre nebbia in certi paesi del Nord Italia, (a proposito non sarebbe male un intervento per un contributo per i tifosi meno abbienti da parte della società come passo importante per la ricucitura dei rapporti), aspettiamo le risposte dalla società che saranno maturate nel corso dell’Assemblea di domani.
Le risposte riguarderanno, soprattutto, l’approvazione del bilancio e il chiarimento tra i due massimi esponenti societari: Sebastiani e Iannascoli.
Il primo dicendo che è tutto OK ma è difficile credergli sulla parola dopo le tante bugie regalateci in questi suoi anni di gestione: il secondo sfoglia la margherita chiedendosi se vale la pena ancora mantenere una carica che potrebbe solo dargli delle grosse sofferenze visto che dovrà avallare operazioni presidenziali non sempre gradite e se non sia il caso, invece, di restare semplice socio e difendere il suo “pacchetto”.
Inoltre si dovrà capire cosa farà Mesa dopo aver ceduto il Club spagnolo: avrà azioni in più dal Pescara Delfino? E in che modo?
Finora Mesa non ha dato un centesimo alla società ma ha solo acquistato parte delle quote di Sebastiani che, a suo tempo, ha incassato in proprio: Potrebbe avere delle quote dal suo mentore Bankowski che, però, da parte sua, ha solo il dieci per cento. Potrebbe sperare di avere azioni da Iannascoli? Mi sembra improbabile. Resta la possibilità di un’ulteriore cessione da parte di Sebastiani in suo favore oppure un aumento di capitale sociale che potrebbe anche portare all’ingresso di altri personaggi legati a Sebastiani o alla Gea.
Ecco perché parlo di ore interessanti.
Al termine dell’Assemblea ci auguriamo che, per trasparenza necessaria, la società emetta un comunicato chiaro e preciso e non si limiti solo alle esternazioni davanti a microfoni compiacenti di cui, per la verità, la città è stanca.
Quando l’informazione è sempre pilotata, fa solo danni.
Il fenomeno, è così diffuso che in tanti, ormai, non leggono più i quotidiani ma preferiscono informarsi leggendo le poche righe, condivise su bacheche, gruppi e pagine create dai tifosi che vogliono la verità e seguono le trasmissioni televisive turandosi, spesso, il naso. (Gianni Lussoso)